Il Gatto Nero: tra magia e superstizione

    Gatto di falefusa il blog che parla di cani e gatti

    Il gatto nero è stato da sempre protagonista di leggende e credenze popolari, spesso a sfondo magico.

    Nonostante si dica porti sfortuna, tantissime persone lo adorano e lo venerano e, al contrario, lo reputano un amuleto contro la sorte.

    E’ uno dei gatti europei più diffusi nel mondo e il suo carattere è oggetto di amore e odio.

    In questo articolo scopriremo tutto quello che c’è da sapere sul gatto nero, le precauzioni da prendere nel giorno di Halloween e perché si dice che porti sfortuna.

    Halloween e il gatto nero

    Halloween è una ricorrenza americana, festeggiata ormai in quasi tutti i paesi occidentali, che cade tra il 31 Ottobre e il 1° novembre e lega la sua iconografia ad animali come pipistrelli, ragni e gatti neri.

    Per il gatto nero Halloween è tutt’oggi fonte di grande pericolo, in quanto vengono spesso catturati da sette sataniche come sacrifici animali per le messe nere.

     Tra le località dove il rischio di messe nere è maggiore ci sarebbero alcune zone del Piemonte, della Lombardia, della Liguria, dell’Emilia-Romagna, del Veneto e del Lazio.

    Questi rituali ebbero origine nel Medioevo ma trovano ancora oggi seguaci e adepti che per praticarli si riuniscono in luoghi isolati in particolari periodi dell’anno, come la notte di Halloween o l’equinozio di primavera, e sacrificano gatti neri o bianchi innocenti perseguitati da assurde superstizioni.

    Per proteggere i nostri gatti dall’ignoranza e dai pericoli della notte di Halloween, non resta che tenerli in casa, almeno fino al 2 novembre, evitando che escano in giardino o in strada.

     Anche le adozioni sono sconsigliate in questo periodo: se c’è una cucciolata da far adottare, conviene attendere qualche giorno, per evitare che vengano “adottati” da malintenzionati.

    Perché porta sfortuna?

    Associato al gatto, il colore nero è spesso stato considerato come segno premonitore di sfortuna.

    Durante il Medioevo il gatto nero ebbe una vita molto difficile, in quanto veniva braccato dalla popolazione poiché si credeva fosse l’incarnazione del diavolo.

    Perché?

    Il suo sguardo, valorizzato dal colore scuro del pelo, inquietava gli animi delle persone.

    Infatti l’associazione dei colori nero e verde, era considerata malefica e portatrice di disgrazia e sfortuna, perfetta rappresentazione del demonio.

    Questo ostracismo, nonostante sia molto meno presente, non è comunque del tutto scomparso.

    Le superstizioni e credenze che il gatto nero porti sfortuna sono tutt’ora presenti e non esclusivamente legate al passato.

    Ancora oggi alcune persone per timore dei gatti neri tendono a non incrociarli per strada, a cambiare marciapiede o ad aspettarsi profonde sciagure se ne incontrano uno, convinti che porti sfortuna.

    Da un’altra scuola di pensiero il gatto nero è visto anche come “amuleto” porta fortuna, in grado di scacciare disgrazie, sciagure e malocchio.

    Il Carattere

    Al gatto nero si attribuisce un carattere particolarmente forte e deciso.

    Solitamente, chi decide di adottarne uno, lo fa perché vero appassionato e amante del suo aspetto magico e misterioso.

    Il carattere è infatti piuttosto particolare: i gatti neri tendono ad essere

    • Poco socievoli con gli estranei
    • Solitari e indipendenti
    • Attivi e giocherelloni, anche in maniera violenta
    • Testardi ma leali

    Conquistarne l’affetto non è semplice.

    Sono spesso molto diffidenti, soprattutto se provengono da una precedente condizione di randagismo.

    Nonostante ciò, il gatto nero dal carattere forte ma dolce, sa abbandonarsi alle coccole e regala molto amore.

    Grazie al suo carattere, vive molto bene in appartamento e anche a contatto con altri felini.

    È compatibile anche con i cani, sui quali tende a dominare.

    Gatto Nero di Razza: Il Bombay

    Il Bombay è il gatto nero di razza.

    E’ una razza artificiale, creata dall’uomo.

    E’ un gatto affettuosissimo, dolce, sicuro di sé e curioso.

    Si adatta perfettamente alla vita di appartamento.

    Gli amanti dei gatti neri non possono non amare il Bombay.

    Presenta infatti un mantello color carbone totalmente nero e occhi ramati.

    Nel Bombay tutto deve essere nero, inclusi i cuscinetti e il tartufo.

    Volete saperne di più sul Bombay? Le specifiche della razza, prezzo, mantello, origini, cura e morfologia le trovate nel nostro articolo Gatto di Razza: il Bombay, cliccate qui per leggerlo.

    Il gatto nero: o lo si ama o lo si detesta,

    In ogni caso non lascia mai indifferenti…

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *