Gatto di razza: Il Norvegese delle Foreste

    Norvegese delle foreste prezzo carattere e allevamenti che trattano questo gatto di razza

    Il gatto di razza Norvegese delle Foreste è ideale per chi ama la natura.

    Gatto dei boschi, grande cacciatore, imponente e regale, il Norvegese comunque si adatta facilmente alla vita casalinga.

    In questo articolo troverete tutto ciò che c’è da sapere sul gatto Norvegese delle Foreste: prezzo, carattere, cure e tanto altro.

    Prezzo del Norvegese delle Foreste

    Iniziamo subito con il parlare della parte economica relativa ad un Norvegese delle Foreste.

    Quale è il prezzo che ci si può aspettare da un allevamento di gatti di razza Norvegese delle Foreste?

    Va ricordato innanzitutto che è fondamentale, affinché si possa affermare di possedere un gatto di razza, che al momento della compravendita vi venga rilasciato dall’allevatore il documento contenente il pedigree del gatto.

    Senza pedigree, un gatto non si può dire essere di razza ma è un semplice meticcio o simil gatto di razza.

    Per un Norvegese delle Foreste cucciolo con pedigree, il costo dell’esemplare può variare dai 600 euro fino ai 700 euro per gli esemplari da competizione ed esposizione più rari e ricercati.

    Ogni allevamento e allevatore è libero di fare il proprio prezzo, ed è tenuto, se vi sta vendendo un gatto di razza, a consegnarvi il certificato di pedigree che attesta l’albero genealogico dell’animale e rivela dunque la purezza della razza del soggetto.

    A tal proposito vi consigliamo il Gigante Buono un ottimo allevamento di gatti Norvegesi delle foreste, in provincia di Bergamo, che alleva questa fantastica razza per hobby e amore.

    Aspetto e dimensioni

    Il Norvegese delle Foreste è un gatto possente, grande, con un’ossatura pesante e una muscolatura robusta.

    La testa è lunga e triangolare, le orecchie grandi, pelose, e inclinate in avanti.

    Gli occhi del Norvegese sono grandi e a mandorla e i colori principali sono il verde e l’oro, ma nei Norvegesi bianchi si possono avere anche blu o impari.

    Le zampe sono molto robuste, i piedi grandi e tondi, con folto pelo fra le dita.

    La coda è lunga e molto folta.

    Mantello

    Il pelo del gatto Norvegese delle Foreste è di media lunghezza, più fitto intorno al collo.

    È dotato di un folto sottopelo e ricoperto da un pelo liscio e impermeabile.

    La tessitura del pelo è ruvida.

    I colori del mantello del gatto Norvegese delle Foreste sono riconosciuti tutti.

    Gli unici non ammessi sono quelli che recano evidenti ibridazioni con altre razze, come per esempio i colour point, tipici dei Siamesi.

    Carattere

    Il gatto Norvegese delle Foreste ha un carattere molto indipendente e autonomo rispetto all’uomo.

    Ciò nonostante, è disponibile a stabilire un buon rapporto con il suo padrone qualora lui rispetti la sua vena di libertà.

    È il gatto ideale per chi desidera un autentico felino in casa.

    Cure e Impegno

    Nonostante il mantello folto e la ricchezza del sottopelo, la toelettatura del Norvegese è molto semplice, visto il pelo liscio che non presenta nodi.

    Il Norvegese ha estremo bisogno di svagarsi e giocare.

    Aspettativa di vita media: 15-16 anni.

    Origini del Gatto Norvegese delle Foreste

    Il gatto Norvegese delle Foreste prende il nome proprio dalle foreste che coprono la Norvegia.

    “Norsk Skaukatt” ovvero –gatto delle foreste del Nord– è il suo nome originale.

    Il Norvegese appartiene al gruppo delle razze più antiche.

    La prima documentazione relativa al gatto Norvegese delle Foreste risale infatti al Sedicesimo secolo.

    Fu presentato ufficialmente ad una mostra solo nel 1938.

    Ecco tutto ciò che c’è da sapere se state pensando di prendere con voi un gatto di razza Norvegese delle Foreste, ma ricordatevi sempre che i gattili sono pieni, e non c’è gesto d’amore più grande dell’adottare un randagio, cucciolo o adulto che sia.

    #adoptdontshop

    Ringraziamo @crikkiagreg per averci fornito la foto della nostra modella, Cookie, e altrettanti ringraziamenti vanno al fotografo @alessioscaccabarozzi_asp_photo che l’ha immortalata.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *